ROGGIANO

Chiesa Di San Donnino

Brissago e Roggiano nel 1574 chiesero, con Supplica degli uomini di entrambi i paesi all’arcivescovo Carlo Borromeo, di essere stac­cati dalla chiesa plebana di San Vittore di Bedero ed avere una parrocchia autonoma nel luogo dove vivevano. Sia la popolazione di Brissago (che aveva la sua chiesa dedicata a San Giorgio) che quella dì Roggiano (che aveva la sua chiesa dedi­cata a san Donnino) domandarono al futuro san Carlo avere una loro comune parrocchia autonoma.
 
La supplica venne consegnata all’Arcivescovo di Milano in visita nella Pieve dì Bedero da Francesco dell’Angelo del fu Michele di Roggiano e da Enrico Lazzarini del fu Zani di Brissago. In quell’anno Brissago era abitato da 216 persone appartenenti a 30 famiglie, a Roggiano gli abitanti erano 151 appartenenti a 23 nuclei famigliari. San Carlo Borromeo accontentò i fedeli di Brissago e Roggiano istituendo una unica parrocchia per entrambe le località . Il Parroco, per la comodità dì tutti, avrebbe dovuto abitare un anno nella casa parrocchiale di Brissago e l’anno successivo in quella di Roggiano.

Dopo 41 anni i fedeli, per avere una comodità maggiore, si rivolsero all’arcivescovo milanese perché dell’unica parrocchia per entrambe le Comunità ne erigesse due distinte: una per Brissago nella chiesa di san Giorgio e l’altra a Roggiano nella chiesa di san Donnino. L’Arcivescovo era ancora un Borromeo , il cugino di Carlo (morto nel 1584 e che nel frattempo era stato santificato), il cardinal Federico, di manzo­niana memoria. I fedeli delle due Comunità  si impegnavano a mantenere ciascuna il suo parroco. La supplica, presentata a Federico Borromeo alla morte del parroco di entrambe le Comunità, Don Ludovico Formentini avvenuta nel 1617, nonostante gli errori grammaticali di quel periodo fa  comprendere  cosa sia accaduto nei 41 anni trascorsi.
 
Gli abitanti, si rammaricano per le difficoltà di essere governati  da un solo Curato, costretto a superare notevoli difficoltà per raggiungere detti luoghi, essendo divisi da una valle profondissima ed uniti da uno stretto sentiero lungo il quale, “se si mette  il piede in fallo si andrebbe giù nel precipizio”. ……Tanto maggiore  poi è il pericolo quando vengono nevi, ghiacci o pioggia che ne impediscono il passaggio……
 
Nel 1617,  con la scissione della Parrocchia di Brissago con Roggiano avviene la costituzione delle due distinte Parrocchie di San Giorgio a Brissago e di San Donnino a Roggiano.